giovedì 15 luglio 2010

Cosa si nasconde sotto la sabbia

Questo post di saluti arriva in ritardo. Avrei dovuto scriverlo un paio di settimane fa perché da allora sono stata sommersa dal lavoro (altro che vacanze) e non ho più aggiornato il blog. Ci risentiamo a settembre.

Il nano è in vacanza dai primi di luglio e si farà due mesi di mare e sole. Ha messo su qualche chiletto ed è abbronzatissimo. Tutta salute. Gioca sulla sabbia per ore e dopo che il primo giorno ho lottato con lui affinché non prendesse le formine e i secchielli degli altri bambini ho deposto le armi: ho messo i nostri giochi in condivisione e lascio a lui un margine di manovra in giro per gli altri ombrelloni. L’unica regola è non portare i giochi lontano perché se no non ci raccapezziamo più sulle “proprietà”.

L’unica nota stonata di queste belle giornate è ciò che si trova sotto la sabbia. Basta scavare un poco e vengono fuori decine di mozziconi. La spiaggia e la battigia né sono piene, sembra che in Italia sia allarme mozziconi. Secondo le stime, ogni anno sulle spiagge si riverserebbero 350 tonnellate di cicche.

L’italica, pessima abitudine di spegnere la sigaretta nella sabbia e lasciarla lì, come se in fondo non si inquinasse si incancrenisce. Chi lo fa pensa che in fondo non c’è niente di male, magari è lo stesso che poi butta in mare una bottiglia di plastica vuota, magari no. E’ uno che la spazzatura la butta dove si dovrebbe, ma la sigaretta finisce sulla spiaggia, senza nemmeno tanti sensi di colpa. In fondo, è solo una sigaretta e invece questa apparentemente innocua cicca ci impiega cinque anni per degradarsi e porta con sé un carico di catrame, nicotina, benzene, acetone, formaldeide, toluene e polonio.

Il risultato di questa leggerezza è che i bambini giocano in una spiaggia invasa dai mozziconi e che mio figlio all’inizio quando li trovava faceva “Uh” e si alzava per andare a buttare il mozzicone nella spazzatura. Oggi non se ne cura nemmeno più, sono davvero troppi. Si è abituato alla loro presenza e ci gioca intorno.
E io mi vergogno per questa spiaggia che gli è arrivata in eredità.

Buone vacanze!

3 commenti:

lorenza ha detto...

Non solo mozziconi, le spiaggie italiane sono trattate come delle pattumiere, e questa è una cosa che mi fa infurbondire a dir poco. Toglierei le spiagge agli italiani, se potessi, perché davvero chi non sa avere cura della propria terra, non la merita (scusa lo sfogo, ma è una cosa che davvero non tollero! :)

MammaNews ha detto...

infurbondire !!!! Mi piace ;-)
Baci Lorenza, buone vacanze!

mammalellella ha detto...

come ti do ragione... c'è di tutto sotto la sabbia, ahimé!