giovedì 3 dicembre 2009

Un lungo concerto

Quando ero incinta ascoltavo un sacco di musica.
Non amo particolarmente la musica classica ma avevo letto ovunque che il piccolo che cresceva dentro la mia pancia l’avrebbe gradita molto, quindi mi sottoponevo a ore di ascolto di Vivaldi, Mozart e Bach mentre lavoravo o leggevo. In effetti il piccolo sembrava essere contento, si muoveva, rispondeva alle sollecitazioni ed era tranquillo.
Spesso alle mamme in attesa viene consigliato di ascoltare musica classica e leggo che in un congresso della Federazione Italiana di Ostetricia e Ginecologia si è discusso anche di questo tema.
Gli esperti che si sono riuniti a Torino hanno convenuto su un punto: la musica fa certamente bene al feto , ma alcuni tipi di musiche fanno bene ancor di più.
Se ci accingiamo a realizzare una track list con i brani che vogliamo far ascoltare al nostro bimbo mettiamo in pole position Vivaldi e Mozart, perché sembrano avere un effetto calmante, ed evitiamo brani di Beethoven e Brahms che innervosiscono il pupo.
I ginecologi sono anche d’accordo sul considerare la voce materna come il suono più amato dal feto. Come a dire, invece che ascoltare la musica magari preferirebbe che gli raccontassimo qualcosa.
Come hanno fatto questi esperti a giungere a queste conclusioni, direte voi?
Risposta semplice: grazie alle moderne tecnologie a ultrasuoni sono stati in grado di osservare il feto mentre ascoltava diversi tipi di musiche e suoni e hanno stilato l’hit parade dei pezzi più amati. Ecco, allora, che se ascolta Mozart il suo respiro si fa più regolare e i suoi movimenti più armonici, mentre se ascolta Stravinskj gli prende un colpo e si agita.
Non vi dico come si arrabbia se gli facciamo ascoltare musica rock a manetta.
Ma cosa sente nostro figlio nella suo mondo ovattato?
Un feto sente suoni e rumori sin dalle prime settimane di vita intrauterina e per lui tutto può potenzialmente trasformarsi in musica. Praticamente vive un concerto perpetuo.
Il cuore della mamma batte come un tamburo, il liquido della placenta, le pareti uterine, i rumori esterni suonano un concerto che lo accompagna fino alla nascita.
Molti si dicono certi che i neonati che non riescono a dormire di notte nelle prime settimane di vita soffrano proprio del silenzio.
Un silenzio pauroso che si presenta da un momento all’altro, inaspettato, dopo mesi di suoni che hanno fatto compagnia.

Image: http://www.flickr.com/photos/micahtaylor/738448992/

5 commenti:

Anonimo ha detto...

che bella questa cosa del silenzio. non ci avevo mai pensato e forse è proprio vero. deve essere terribile sentire la solitudine della notte se fino a quel momento è non l'hai mai conosciuta. bello il tuo blog.
veronica

Anonimo ha detto...

io amo la musica rock e quando ero incinta la ascoltavo insieme a matteo che si muoveva tutto e ballava nella pancia ;-)
forse se la musica piace alla mamma questo benessere si riversa anche sul bambino. ciao michela e matteo (13 mesi)

MammaNews ha detto...

ciao Veronica. anche a me ha molto colpito questa cosa del silenzio. la lessi proprio quando mio figlio aveva pochi giorni e in effetti mi venne in mente che quando adottavamo dei cucicoli di cane li mettevamo a dormire con una sveglietta che faceva tic tac in modo che mimasse per loro il battito del cuore della mamma.
A presto!
@ michela_ non so quanto la musica rock possa piacere al bimbo sinceramente. il fatto che piaccia alla mamma non si riversa direttamente sul bambino: lui percepisce i suoni e se non sono armonici ed equilibrati ne soffre. Forse per questo si muoveva tutto nella pancia: voleva chiederti di cambiare musica? :-)

...e invece sei tu... ha detto...

Che bello questo bloggg ;-)
E' la prima volta che passo di qui...ed è la prima volta che sono incinta, ;-)
Vengo attratta come una calamita da tutte le notizie su pancioni e bimbi!
Tornerò presto a trovarti. Un saluto.Martina.

MammaNews ha detto...

Auguri Martina! TI auguro di vivere questa straordinaria esperienza con tutto l'entusiasmo e la passione possibile. Ricordo anche io l'adrenalina di girare in rete alla ricerca di tutte le notizie posisbili su pancione e bebè! Torna a trovarmi, ti aspetto.